logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

September 2021

LuMaMeGiVeSaDo
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read Per un’estate di lotta in Sicilia per i diritti dei migranti  
manifestazioni.pngAppello della Rete Antirazzista Siciliana
per un’estate di lotta in Sicilia per i diritti dei migranti

La Sicilia è stata negli ultimi anni il luogo in cui, più di ogni altro in Italia, il governo ha perpetrato politiche e pratiche di violazione dei diritti umani fondamentali dei migranti appena arrivati sulle nostre coste, ma anche di quelli già presenti da anni sul territorio.


Ormai la nostra isola è diventata un carcere a cielo aperto, frontiera fuori dallo stato di diritto, luogo da cui partono le deportazioni verso paesi come la Libia, in cui i migranti respinti dall’Italia hanno trovato la morte. La Sicilia è di nuovo, più che mai in questo periodo estivo che si avvicina, scenario di emergenza. Ricordiamo quanto avvenuto lo scorso luglio con la nave Cap Anamur ed i suoi 37 naufraghi deportati in un paese non loro; i tragici episodi consumati a Lampedusa nell’ottobre 2004 e nel marzo 2005, condannati, anche grazie ai video girati dalla RAS, dal Parlamento europeo e dalla Corte europea dei diritti dell’uomo; le continue violenze subite dai migranti detenuti all’interno dei CPT e la recente apertura dei cosiddetti "Centri d’Identificazione", luoghi di detenzione per i richiedenti asilo, nuova categoria criminalizzata.
Le modalità che questo governo sta scegliendo per gestire le "vite" delle persone che arriveranno e stanno già arrivando nel nostro paese, in conformità con la linea di pensiero, che sta a presupposto della " Fortezza Europa", si basano su quella stessa mentalità razzista che porta un Ministro dell’Interno ad affermare impunemente l’equivalenza tra tutti i migranti non in regola con il permesso di soggiorno e la criminalità organizzata.


Per tutte queste ragioni la RAS, che ha eletto a principio fondamentale il fatto di "essere laddove le cose accadono" a fianco delle persone che subiscono abusi e violazioni, per denunciarli, informare e proporre che si contrappongono realmente alla violenza ed all’arroganza istituzionali,

chiede



A tutte le realtà, i movimenti, le Associazioni, i gruppi, i partiti, i singoli cittadini e cittadine di essere insieme in Sicilia all’interno di un campeggio, che sia base logistica da cui spostarsi per essere immediatamente presenti laddove sarà necessario e che sia anche un momento di analisi, informazione ed incontro aperto al territorio.
L’emergenza è già cominciata e se è difficile garantire un’unità di crisi attiva per 4 mesi continuativi, ci sembra invece possibile immaginare la presenza di gruppi che , a staffetta, garantiscano una copertura per un periodo ipotetico, che vada da metà luglio a fine agosto.


La RAS sta organizzandosi per individuare un luogo in prossimità del mare ed un punto strategicamente importante, dove verranno garantiti i servizi
fondamentali.


Per strutturare questa proposta in modo compiuto abbiamo bisogno di ricevere le adesioni (comprensive di previsioni numeriche), nel più breve tempo possibile.

Per contatti: campeggioras at libero.it

COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa

    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorità
Cambia priorità (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 6085687 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.