logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

December 2020

LuMaMeGiVeSaDo
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read Cosa sta accadendo nel CPT di Ragusa?  
migranti.pngComunicato del Laboratorio Zeta di Palermo sui fatti del Centro di Permanenza Temporanea di Ragusa

Apprendiamo di donne scomparse, di donne ricoverate in ospedale con evidenti lesioni da percosse.

Apprendiamo di esposti da parte dei medici della struttura con denunce per pressioni da parte della polizia,
affinché non vengano prescritti ricoveri ospedalieri per le donne presenti nel CPT.

Di fronte alla gravità di tali fatti, rimaniamo ancora una volta allibiti dalle dichiarazioni del Questore di Ragusa, Di Fazio, e del responsabile del CPT Berretta, commissario provinciale della Croce Rossa, le cui uniche preoccupazioni sono rivolte a minimizzare fino all’inverosimile le pesante realtà all’interno della struttura detentiva, sotto il loro diretto controllo.

Per legge, la polizia non può stare all’interno del CPT: a Ragusa non solo accade questo ma, le testimonianze di questi giorni ci confermano il fatto, ancora più grave, che gli agenti di polizia, che occupano illegalmente l’interno del Centro piantonando le donne detenute, sono tutti di sesso maschile.

Tristemente, ci tocca ricordare - poiché tali fatti in Italia non sono ancora abbastanza noti - la sequela di tragici eventi che sono accaduti nei Centri di Permanenza Temporanea italiani: 6 morti carbonizzati al CPT Serrajno Vulpitta di Trapani; sequestri di persona, gravi maltrattamenti e torture al CPT Regina Pacis
di Lecce, abusi e reati per i quali è stato indicato come uno dei maggiori responsabili Don Cesare Lo Deserto, attualmente agli arresti domiciliari; le violenze e i maltrattamenti nei CPT di Milano e Torino,
rispettivamente i cosiddetti Corelli e Brunelleschi, dalle vie dove sono ubicati; fino ad arrivare alle deportazioni collettive effettuate verso la Libia per migliaia di uomini e donne mai identificati dal Governo italiano, uomini e donne che non sapevano di essere deportati in un paese non loro, e certamente non amico.
Il Parlamento Europeo e la Corte europea per i Diritti dell’Uomo, hanno già ampiamente condannato le politiche italiane nei confronti degli immigrati, politiche disumane, grottesche e infine ingiuste.

Dunque, se di giustizia parliamo, a coloro che sanno cosa è accaduto dentro il CPT di Ragusa, chiediamo di parlare, per non essere complici di eventi già così gravi e criminosi.

Laboratorio Zeta

Palermo


COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorità
Cambia priorità (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 5854849 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.