logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

September 2021

LuMaMeGiVeSaDo
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read 18 marzo 2006 L'Italia che ripudia la guerra L'Italia che ripudia lo scontro di civiltÓ  
manifestazioni.png

Il 18 marzo sarÓ il terzo anniversario dell'inizio della guerra all'Iraq. SarÓ una giornata internazionale di mobilitazione, con manifestazioni e iniziative in tutto il mondo.

Nel nostro paese, questa giornata assume una importanza particolare.

--Saremo in piena campagna elettorale: crediamo che mettere la pace al primo posto sia cruciale. Siamo convinti sia importante in questo periodo ribadire a chiunque governerÓ il nostro paese nei prossimi anni che una politica estera alternativa Ŕ una prioritÓ e una necessitÓ, convinti come siamo che la pace sia l'unica sicurezza possibile.

Nelle ultime settimane il governo, dopo aver trascinato il paese in una guerra di occupazione, ha anche gettato l'Italia da protagonista nella costruzione dello scontro di civiltÓ. Se c'Ŕ un compito a cui oggi il nostro paese deve assolvere, nella difficile situazione internazionale, Ŕ invece opporsi a ogni tentativo di costruire una artificiosa frontiera armata fra "mondo islamico" e "mondo occidentale". Ripudiare l'intolleranza, qualsiasi forma di razzismo, ogni tentativo di affermare la superioritÓ della civiltÓ occidentale, rimettere al centro i diritti di donne e uomini, indipendentemente da appartenenze religiose, Ŕ indispensabile per evitare ulteriori disastri.

Per questo, saremo a Roma il 18 marzo, dopo una settimana di iniziative diffuse in tutta Italia, rispondendo all'appello europeo:

LA PACE AL PRIMO POSTO
giornata internazionale contro la guerra e le occupazioni

Tre anni fa, una coalizione guidata dal Governo USA diede avvio alla guerra contro l'Iraq.

Oggi, le ragioni per mobilitarsi contro la guerra sono sempre pi¨ evidenti.

Il 18 marzo 2006 manifesteremo in tutta Europa, insieme ai movimenti statunitensi e globali
per l'immediato e incondizionato ritiro di tutte le truppe straniere dall'Iraq

contro la guerra preventiva, la sua estensione alla Siria, all'Iran e al Medio Oriente;
per una soluzione pacifica della questione kurda

per la fine dell'occupazione israeliana dei territori palestinesi e di Gerusalemme Est,
per l'attuazione di tutte le risoluzioni internazionali, per una pace giusta fra Israele e Palestina,
per la creazione di uno stato palestinese indipendente

per il disarmo, la riduzione delle spese militari, l'eliminazione delle basi militari straniere e delle armi di distruzione di massa

per politiche estere alternative, che rifiutino le logiche neoliberiste e costruiscano relazioni
eque fra i popoli

per il rispetto dei diritti umani, la difesa delle libertÓ democratiche e civili contro la repressione, la fine delle torture, delle detenzioni illegali, delle prigioni segrete
per la libera circolazione dei migranti
Facciamo appello ai cittadini e alle cittadine, ai gruppi alle organizzazioni e ai movimenti a dare il proprio contributo alla giornata del 18 marzo, che si svolgerÓ con le seguenti caratteristiche:

ore 9,30
"Soldati contro la guerra"
da Usa, Gran Bretagna, Israele-Palestina, Turchia, Russia, Italia
Palazzo Valentina, via 4 novembre 119

ore 14,30
CORTEO
DA PIAZZA ESEDRA A PIAZZA NAVONA
ore 18,30
Al Kamandjati, scuola di musica
nei campi profughi palestinesi
DAL'OUNA, orchestra della solidarietÓ internazionale
video e concerto
Teatro Eliseo, via Nazionale 183

Chiediamo a tutti e tutte di portare con sÚ una bandiera della pace. Daremo vita come sempre a una manifestazione plurale, dove saranno rappresentate le diverse articolazioni del movimenti contro la guerra e per la pace, che per˛ convergono sui contenuti espressi nell'appello promosso dal
Forum Sociale Europeo.

A coloro che in questo paese credono giusto esaltare le stragi o l'intolleranza diciamo che consideriamo questa esaltazione incompatibile con le nostre iniziative, che al contrario vogliono mettere al centro il valore della pace, dei diritti, della giustizia e della convivenza.
Il Comitato Organizzatore del 18 marzo


All'indirizzo e-mail adesioni18marzo[at]unmondodiverso.it si raccolgono le adesioni individuali, collettive e motivate alla giornata del 18 marzo.

Alla stesso indirizzo e-mail vanno inviate anche le comunicazioni delle iniziative collegate alla giornata
--

COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia prioritÓ
Cambia prioritÓ (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 6085701 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.