logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

July 2020

LuMaMeGiVeSaDo
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read EMERGENZA SOCIALE A PALERMO  
manifestazioni.png

MANIFESTAZIONE CITTADINA


SABATO 27.10.2007 – ORE 16.30
DAVANTI PALAZZO DELLE AQUILE



Martedì 16 ottobre l’ufficio interventi abitativi del comune ha mandato un fax agli alberghi in cui alloggiavano 18 famiglie in attesa dell’assegnazione di un alloggio, comunicando che dal giorno seguente le spese non sarebbero più state coperte, e obbligando di fatto tali famiglie a lasciare la loro sistemazione provvisoria per evitare uno sgombero forzato; tutto questo senza nessun preavviso.

A queste famiglie se ne aggiungono altre, aderenti al comitato 12 luglio, in condizioni disastrate ed anch’esse prive di alloggio.
Nel frattempo la lista dell’emergenza abitativa di Palermo è infinita e circa 1800 famiglie aspettano di ricevere l’assistenza economica del 2007 (inoltre durante la giunta Cammarata -2003/2006- è stato erogato solo il 50% della somma prevista).

Palermo è una città in piena emergenza, dove la gente vive in case cadenti, dove i diritti di base e l’assistenza non vengono garantiti, dove una donna incinta può ritrovarsi senza un tetto pochi giorni prima del parto, dove il lavoro nero e la precarietà sono all’ordine del giorno, dove migliaia di famiglie indigenti non hanno un tetto e dove c’è uno dei più alti tassi di disoccupazione d’Italia.

Le famiglie sfrattate, dopo aver dormito davanti al comune per diversi giorni, lunedì mattina (22 ottobre) hanno deciso di riunirsi in assemblea permanente all’interno del comune di Palermo, insieme al gruppo parlamentare Altra Palermo, all’associazionismo, ai centri sociali ed alle realtà del movimento palermitano, convinti che non sia dignitoso vivere in una roulotte e di non dover affatto negoziare sui diritti più elementari.

Il tentativo delle istituzioni nel frattempo, per bocca del vice sindaco Cordaro e del presidente del consiglio comunale Campagna, è stato e continua ad essere quello di dividere, ricattare, terrorizzare e sfiancare la gente che porta avanti questa lotta.
Noi però restiamo uniti, e staremo qui finché non sarà trovata una soluzione vera a questa emergenza.

Chiediamo:
- case, lavoro e diritti sociali;
- l’utilizzo di immobili comunali disponibili (anche e soprattutto quelli confiscati alla mafia);
- che siano adottati provvedimenti di requisizione di alloggi a partire da quelli comunali;
- l’assegnazione immediata di queste risorse immobiliari ai nuclei in emergenza abitativa;
- l’erogazione dell’intera somma dell’assistenza continuativa.


È necessaria una mobilitazione generale ed una partecipazione attiva a sostegno delle lotte per la risoluzione di tutte le emergenze cittadine e per la crescita di un percorso collettivo per l’affermazione della giustizia sociale.



Comitato per la giustizia sociale


COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorit
Cambia priorit (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 5751066 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.