logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

March 2020

LuMaMeGiVeSaDo
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read PALAZZO LA ROSA OCCUPATO  
metropoli.png

Lettera aperta ai direttori di: Giornale di Sicilia, La Repubblica-cronaca di Palermo, La Sicilia, Ansa, Italpress, testate locali radio televisive…


Il comitato di lotta per la casa 12 luglio e la Rete di sostegno per i diritti negati fanno presente quanto segue:


Con l’assemblea permanente nella sala delle lapidi al Palazzo delle Aquile e l’occupazione del palazzo La Rosa, in Via Alloro, è stata lanciata, ancor più clamorosamente, la vertenza abitativa e sulla povertà in questa città.

L’ANCE, l’associazione nazionale degli imprenditori edili, scopre l’emergenza della casa a Palermo.
Lo fa per rilanciare, al consiglio comunale, la proposta della costruzione di 7.200 alloggi.

Il comitato di lotta per la casa 12 luglio e la Rete di sostegno per i diritti negati fanno presente quanto segue:

Dal mese di Agosto era stato aperto un tavolo di trattative con il capo Gabinetto del sindaco, Sergio Pollicita, l’assessore Cannella e i rispettivi funzionari, per articolare proposte da indirizzare all’amministrazione attiva ed al Consiglio Comunale che dessero concretezza ad un “progetto casa” articolato con interventi a breve, a medio e a lungo termine.
Il pacchetto “progetto casa”, proposto dal Comitato è stato successivamente approvato all’unanimità dal consiglio comunale con un atto di indirizzo che vincola la politica della Giunta sulla casa.
Durante i periodici incontri del tavolo tecnico, il comitato aveva avuto assicurazione che non ci sarebbero stati sgomberi per le situazioni d’emergenza, sino a quando non si sarebbero trovate le soluzioni operative adeguate contenute nell’articolato delle proposte.
L’assemblea permanente del Comune prima e la successiva occupazione del palazzo La Rosa poi sono state le risposte al mancato rispetto di un accordo strutturale, e non basato su soluzioni tampone: locande, roulotte, campo container… che ha fatto emergere in tutta la sua drammacità l’emergenza casa a Palermo.
Il comitato e la rete sociale di sostegno, lungi dal comportarsi come falchi, oltranzisti, area dura del movimento, intendono denunciare le incongruenze delle politiche dell’amministrazione e contemporaneamente costringerla a riaprire il tavolo tecnico di discussione e trattativa !

Le famiglie che ad oggi si trovano all’interno dell’edificio, rispettose del pregio architettonico che esso rappresenta, sono affiancate dai centri sociali palermitani e ne chiedono l’utilizzo a fini abitativo. Destinazione, peraltro, progettata dalle precedenti amministrazioni Orlando

Il comitato 12 luglio supportato da tecnici liberi professionisti senza mire speculative o strumentalizzanti, vuole utilizzare lo spazio oggi finalmente aperto di Palazzo La Rosa, per una verifica economica di fattibilità che porti alla conversione dell’edificio ad uso alloggiativo emergenziale in autocostruzione.
L’autocostruzione o autorecupero produce l’abbattimento dei costi di manodopera dato che sono gli aventi diritto, opportunamente formati e seguiti da esperti, ad eseguire i lavori.
La prestazione degli aventi diritto ai quali poi sarà assegnato uno degli alloggi così realizzati andrà capitalizzata e valorizzata.
Con l’autocotruzione quindi, l’amministrazione avrebbe i seguenti benefici:

- risparmio sui costi di emergenza abitativa;

- formazione di nuovi lavoratori nel settore dell’edilizia e della carpenteria;

-mantenimento della proprietà degli immobili.

In tal modo, quindi, l’amministrazione avrebbe messo in atto soluzioni concrete utili sia all’emergenza abitativa che a quella occupazionale.

Ci chiediamo:
- come mai le proposte approvate come atto di indirizzo dal consiglio comunale non sono state prese in alcuna considerazione?

- come mai non si attivano gli immobili di proprietà comunale per dare risposta all’emergenza?

- come mai non si apre immediatamente il tavolo di confronto sui beni confiscati?

- perché si indugia sulla proposta dell’autocostruzione, accettata con interesse nel tavolo tecnico?

- perché il Comune non procede all’affitto di trecento appartamenti per far fronte all’emergenza, il cui costo sarebbe di certo molto inferiore alle locande?




Riguardo alla proposta dell’ANCE riteniamo che:
Il progetto per la costruzione di 7.200 immobili, ammesso che fosse eco-sostenibile, pur apparendo la soluzione al problema della casa, sarebbe in ogni caso una soluzione a lungo termine.
Crediamo che la vera priorità sia il pieno utilizzo di tutti gli immobili disponili, a partire dalle aree degradate ed abbandonate del centro storico, per destinarli all’emergenza abitativa.

Relativamente all’accusa di illegalità e di violenza, rivolta più volte al comitato di lotta per la casa, vogliamo precisare che la legalità deve significare la realizzazione della giustizia sociale.
Chi è privato di un diritto costituzionale sacrosanto come la casa, a causa di una politica dissennata sul piano amministrativo, ha il diritto e il dovere di rivendicare, nel contesto di una giustizia sociale negata, quanto gli è stato sottratto illegalmente, senza esercitare violenza alle cose di appartenenza privata, né tanto meno alle persone.
Il legalismo che viene spacciato per legalità, è la facile strumentalizzazione di chi, detenendo il potere, viola i diritti fondamentali dei cittadini.
La democrazia orientata al bene comune e alla giustizia sociale non tollera machiavellismi, clientelismi, opportunismi, o strumentali e demagogici legalismi.
Il comitato di lotta per la casa 12 luglio si è sempre attenuto a questi basilari principi di democrazia.


Comitato di lotta per la casa 12 luglio

Rete sociale di sostegno


COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorit
Cambia priorit (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 5680763 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.