logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

May 2020

LuMaMeGiVeSaDo
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read Lettera della Comunità Sudanese del Laboratorio Zeta  
migranti.png

Al Presidente della Repubblica
Al Presidente della Regione Siciliana
Al Sindaco di Palermo
Al Presidente del Consiglio Comunale di Palermo
Al Prefetto di Palermo
Al Questore di Palermo
e ai cittadini di Palermo

OGGETTO: emergenza rifugiati sudanesi - Laboratorio Zeta di Palermo


Siamo 32 ragazzi sudanesi. Siamo tutti scappati da un paese dove c’è la guerra.


In Sudan i problemi legati alla politica ci sono da più di 20 anni, in Sud Sudan hanno causato circa 2 milioni di morti e circa 6 milioni di profughi. Nel Darfur, che è la regione da dove noi arriviamo, dal 2003 c’è una terribile guerra civile che ha causato circa 500.000 morti e 2 milioni di profughi. Noi siamo stati costretti a scappare, a lasciare le nostre famiglie, il nostro lavoro, la nostra terra per non rischiare ogni giorno di morire.

E in Sudan i problemi politici stanno aumentando sempre più.


Qui in Italia abbiamo ottenuto l’asilo politico.
Da quando siamo a Palermo (alcuni arrivati nel 2003, altri negli anni seguenti) viviamo in via Boito 7, al Laboratorio Zeta, che è diventato la nostra casa. Assieme ai ragazzi italiani abbiamo ricominciato a vivere, quando è possibile a lavorare ed anche a studiare l’italiano e conoscere i nostri diritti.

Dal 19 gennaio, dopo uno sgombero, dormiamo nelle tende. E da allora ci chiediamo se un paese dove l’asilo politico è un diritto, non deve anche garantire la nostra permanenza nel luogo che ci ha accolti quando non avevamo nessuno che ci aiutava.


Abbiamo passato più di venti giorni all'aperto con pioggia, gelo e vento forte, ma per noi la questione non è solo quella di un letto per dormire.
Al Laboratorio Zeta abbiamo vissuto anche un sacco di eventi sociali: abbiamo festeggiato matrimoni, abbiamo pianto insieme i nostri morti, abbiamo gioito quando sono nati nuovi bambini.

Perdere Zeta per noi vuol dire perdere un centro culturale, che ci potrà aiutare a risolvere molti problemi di integrazione in una nuova società e contribuire anche a risolvere i problemi individuali con discussioni, consigli e consulenza di italiani, persone colte e specialisti in vari settori.


Chiediamo solo di potere continuare ad abitare come uomini civili al Laboratorio Zeta.

Vogliamo rimanere tutti insieme, sudanesi e italiani, e ricominciare a studiare nella nostra biblioteca, tornare a dormire nei nostri letti e continuare tutte le altre nostre attività.

Così ci auguriamo che le autorità risolvano il nostro problema del Laboratorio Zeta, un centro culturale che, anche con poche risorse, ha saputo fornire servizi utili e risposte efficaci ai nostri bisogni.


9 febbraio 2010


La Comunità Sudanese del Laboratorio Zeta


COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

301 Moved Permanently

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorit
Cambia priorit (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 5726149 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.